Pilates per tutti

Per capire il successo di Pilates, dobbiamo prima di tutto capire da dove tutto è iniziato. Dobbiamo il nome di questa disciplina, ormai diffusa in tutto il mondo, a Joseph Hubertus Pilates.

Come spesso accade, è proprio a causa dei nostri problemi e del desiderio di risolverli che è sorta la necessità di studiare il corpo umano e superare i suoi confini. Da bambino Giuseppe soffriva di rachitismo, asma e febbre reumatica, ma grazie al suo medico di famiglia, che gli diede un libro di anatomia, scoprì la filosofia dei greci e dell’antica Roma, che cercava di unire corpo e mente cercando un migliore equilibrio tra queste stesse sfere.

Mens sana in corpore sano, citando una famosa frase latina, una mente sana in un corpo sano;

Il versetto, tratto da Satire Giovenale, ci ricorda che lavorare sulla mente e sul corpo significa lavorare per una prosperità più profonda, come si può trovare negli esercizi di Pilates e secondo il pensiero di Joseph Pilates, che ha affermato:

“Il corpo libero da tensioni nervose e stanchezza è il rifugio ideale che la natura offre come alloggio per una mente equilibrata, capace di risolvere efficacemente tutti i complessi problemi della vita moderna.

Per seguire questi insegnamenti, è necessario “ascoltare” il proprio corpo attraverso la concentrazione, comprendere i propri limiti fisici attraverso il controllo dei movimenti e cercare di superarli con precisione.

Che cos’è veramente Pilates?

Il metodo Pilates si basa su sei semplici principi, che mirano ad un uso armonioso di ogni parte del corpo e ad alleviare lo sforzo alla colonna vertebrale:

  • equilibrio,
  • respiro,
  • fluidità,
  • concentrazione,
  • controllo,
  • precisione.

“Tutto passa attraverso il centro” – l’addome (o più precisamente il muscolo addominale trasversale) è il punto in cui si produce la forza necessaria per eseguire ogni esercizio, evitando uno sforzo eccessivo in altre zone del corpo già sufficientemente sollecitate (collo, spalle, muscoli della schiena).

Come Frederick Alexander, creatore dell’eccellente formazione posturale e successivamente Moshe Feldenkrais con il suo percorso di conoscenza attraverso il movimento, anche Pilates ha sviluppato la sua ricerca sul corpo e sulle sue potenzialità, partendo dai difetti del suo corpo e delle persone a mobilità ridotta, come quelle incatenate ai letti d’ospedale. Poi ha sviluppato la sua tecnica e per tutta la vita l’ha perfezionata lavorando con ballerini e atleti che avevano bisogno di aiuto.

Che cos’è Powerhouse?

Con questo termine si intende il nastro muscolare medio: comprende i muscoli addominali, ma anche la regione lombare, dai fianchi fino al limite inferiore delle costole.

Immaginate che tirare l’ombelico verso la spina dorsale sia il primo esercizio che imparerete durante una sessione di pilates per attivare Powerhouse, migliorare la postura e alleviare il mal di schiena.

“Se la tua colonna vertebrale è rigida e rigida a 30 anni, sei vecchio; se la tua colonna vertebrale è completamente flessibile a 60 anni, sei giovane. Quindi, ma la colonna vertebrale mantenendola in movimento: questo è fondamentale. Hai una sola spina dorsale: prenditi cura di essa. – ha raccomandato Joseph Pilates nei suoi insegnamenti.

Per fare questo e per mantenere sana la colonna vertebrale, il primo passo è imparare a respirare.

Respirazione

La respirazione è il secondo elemento di base su cui si basa l’intero sistema. In questa tecnica, il movimento avviene durante l’espirazione, favorendo così la fluidità e attivando la muscolatura addominale trasversale.

Una corretta respirazione ha un effetto antistress e può aiutare a ridurre il dolore cronico e l’ansia, quindi questo aspetto gioca un ruolo importante nei pilates.

Durante l’ispirazione, il torace si espande, il diaframma si restringe, si abbassa e si appiattisce, mentre durante l’espirazione, il diaframma si rilascia e i polmoni si svuotano, rilasciando aria.

In Pilates, impariamo ad iniziare l’esercizio inspirando e poi espira durante la fase di esercizio. Grazie a questa tecnica è possibile impegnare i muscoli profondi per lavorare, migliorando i problemi legati al mal di schiena e alla postura.

Per quanto riguarda la respirazione, spiega il creatore del metodo Pilates: “Per respirare correttamente, devi respirare completamente dentro e fuori, cercando sempre di forzare ogni atomo d’aria fuori dai polmoni, proprio come si spremerebbe ogni goccia d’acqua da un panno umido.

Questo processo stimola un completo scambio d’aria, influenzando positivamente la circolazione o l’ossigenazione dei tessuti.

Benefici di Pilates

Si assiste ora ad una rinascita di esercizi mirati a migliorare la mobilità e ad alleviare i dolori alla colonna vertebrale. Il pilates è sicuramente una tecnica che si concentra su questi temi. Sedersi stile di vita e le ore trascorse in una posizione svantaggiano il nostro corpo. La risposta è il sistema di esercizi Pilates.

Grazie alla respirazione, gli esercizi acquisiscono ritmo, sperimentiamo un equilibrio tra l’intensità dello sforzo e la fase di rilassamento. Movimenti lenti e precisi insegnano un nuovo equilibrio e migliorano la propriocezione e l’armonia, con un effetto benefico sulla postura e sulla consapevolezza.

Stimolare l’elasticità del corpo porta alla rimozione di rigidità e tensione, riscoprendo la fluidità dell’armonia, della danza del corpo e della mente.

Perché la vera sfida è affrontare la vita quotidiana in modo più flessibile: quando il corpo ci sostiene, scopriamo anche un’energia più potente a livello mentale.

Pilates e perdita di peso

Pilates ti aiuta a perdere peso, e il tuo stomaco piatto alla fine sarà alla tua portata. Si tratta di una forma di allenamento completo che aiuta a mantenere in equilibrio corpo e mente attraverso movimenti precisi e altamente mirati.

Pilates e gravidanza

Pilates ti aiuta a prepararti al parto sia fisicamente che mentalmente, migliorando il tono muscolare e la flessibilità e permettendo alla tua futura mamma di sperimentare tecniche di rilassamento che saranno utili durante il parto.

Controindicazioni

In generale, non ci sono controindicazioni per iniziare la vostra avventura di Pilates, ma è bene avvicinarsi a questi esercizi sotto la guida di un istruttore esperto che sia in grado di valutare la vostra condizione fisica e vi insegni come eseguire correttamente gli esercizi.

Infine, vorrei raccomandare con tutto il cuore questa tecnica a chiunque, come me, abbia un problema alla colonna vertebrale. Per molti anni ho lottato con il dolore, solo il rafforzamento del mio corpo mi ha liberato dal costante disagio. Pilates era la mia soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *